Home / Analisi mercati / SP500: storno, ma è solo un’allerta

SP500: storno, ma è solo un’allerta


Il 19 febbraio scorso l’indice SP500 ha segnato il massimo storico a 3394 e il 23 marzo è crollato a 2192 (-35%) con una perdita di 1202 punti.

Da questo minimo è iniziato un forte movimento rialzista (bear market rally) che ha segnato in apertura di settimana (lunedì 8 giugno) un massimo relativo a 3233 recuperando 1041 punti pari al 77% circa dell’intero crollo.

Giovedì scorso l’indice ha aperto con un ampio gap down realizzando una perdita giornaliera del -6% frutto dell’uniformità di settaggio dei trading system globali e degli automatismi che regolano i fondi passivi (ETF) a forte capitalizzazione.

Venerdì si è avuto un recupero modesto per cui la media a 200 gg (blu) risulta ancora integra così come la soglia psicologica dei 3000.
Il sell off di giovedì è da considerarsi come una forte presa di profitto globale ma che lascia ancora inalterato lo scenario rialzista di medio periodo.

La rottura delle tre medie mobili in grafico (200 blu, 100 viola, 50 arancione) darà un primo segnale di inversione di breve e la rottura decisa del supporto di area 2800 sarà conferma di una nuova evoluzione dei prezzi (price action) in senso lateral ribassista e volatilità in aumento.

Un’apertura ribassista già da lunedì prossimo non è tecnicamente errata; consigliabile in questo caso uno stop & reversal in area 3250 con modalità da valutare al superamento di 3200.

§ § §

investimentiprotetti@gmail.com

se questa rassegna può essere di qualche utilità falla conoscere in rete, grazie

 

Check Also

Riallocazione dei ptf: long covid #26

Eventi & Mercati – settimana #26 (22 – 26 giu) Rassegna settimanale intermarket precedente QUI …