Home / US stocks / Industriali, tecnologici e utility

Industriali, tecnologici e utility

Rassegna di titoli che potrebbero essere inclusi nel ptf US Stocks

Concludiamo con questo quarto report la nostra prima selezione di titoli, questa volta appartenenti ai settori Industrials, Technology e Utilities.

A partire dal 4 novembre decideremo quando e come attivare il portafoglio USA e solo allora daremo alcune indicazioni sulla sua gestione; diciamo subito  che a differenza del ptf BASE non includeremo la liquidità come asset.

Diversificazione
Nell’ultimo report abbiamo accennato ad alcuni criteri per scegliere vantaggiosamente i titoli che distribuiscono dividendi. Ora tentiamo di dare un modestissimo contributo al mare magnum di concetti che considerano obbligatoria la diversificazione azionaria in un portafoglio da investimento di lungo termine al fine di “ridurre i rischi”.

Ridurre i rischi
Sarebbe un errore imperdonabile credere che una diversificazione di titoli, scelti senza disporre di validi criteri o dei numerosi parametri necessari per una valutazione ottimale dell’azienda possa ridurre il rischio di un portafoglio azionario.
Innanzitutto perchè nel momento stesso in cui investi su titoli azionari ti prendi un rischio intrinseco di svalutazione del capitale ben superiore all’investimento in titoli obbligazionari emessi da Stati con rating superiore alla “spazzatura” e da enti sovrannazionali solitamente accreditati con rating massimo.
E questo rischio intrinseco non te lo levi assolutamente, salvo essere molto bravo e quindi essere in grado di proteggere il ptf con derivati (hedging) ad esempio con future e/o put.
Sembra quasi che la formula “diversifica per ridurre il rischio” sia una raccomandazione di facilissima comprensione e quindi adatta per tutti e soprattutto per gli ignoranti finanziari (gli anglofoni direbbero dummy-proof) cioè la maggioranza dei piccoli investitori privati.
Esempio sul MIB: c’è un termine italiano irritante e fuorviante usato spesso come sinonimo di diversificazione – giardinetto – che richiama alla mente non un campo di ortiche e rovi ma un prato verde accuratamente rasato da cui spuntano fiori colorati e profumati. Se così fosse l’investitore-dummy non disponendo di criteri validi o di dati aziendali sufficienti o peggio non capendo nulla della situazione attuale di mercato e possibile evoluzione in base alla pandemia, alle politiche monetarie e alle dinamiche economiche o ancor peggio senza nemmeno guardare un grafico mensile degli ultimi dieci anni, potrebbe creare il suo giardinetto solamente scegliendo i titoli in base al rapporto fra l’ultimo dividendo e il prezzo corrente o facendosi condizionare da articoli del giornalismo cartaceo o da fonti internet che propongono titoli più o meno esplicitamente senza fornire una base razionale di dati documentabili a supporto di certe tesi.

Diversificare non per ridurre i rischi ma per avere maggiori probabilità di accrescimento del proprio capitale investito
Uno: sapendo che qualsiasi ptf azionario ha un rischio intrinseco elevato ed ineliminabile e
Due: al fine di massimizzare le probabilità di vedere un incremento costante e significativo anno dopo anno del capitale …
… occorre adottare dei criteri di scelta basilari e razionali ad esempio questi (ma non solo questi):
– il mercato: meglio investire a Wall Street o su Borsa Italiana? senza esitazione: solo ed esclusivamente titoli americani, i titoli italiani invece sono buoni prevalentemente per gli shorter e per gli intermediari, banche e fondi in primis; prova a confrontare i grafici dei prezzi dal 1999 a oggi di SP500 e MIB e capirai perchè sosteniamo questa tesi come dogma non di fede ma della logica e del buon senso
– il settore: una volta scelto il mercato devi decidere qual è il settore più promettente: con una pandemia fuori controllo che imperverserà per anni ancora, meglio star fuori da compagnie aeree, turismo e petroliferi mentre i tecnologici e le aziende che vendono prodotti di consumo sul mercato USA o che hanno una forte domanda nei mercati asiatici sono da preferire in assoluto; anche biotech e salute sono potenzialmente settori anticiclici ma presentano un rischio intrinseco massimo per l’elevata volatilità dei titoli che li compongono; qualcosa di simile vale anche per i finanziari; il settore immobiliare alle valutazioni attuali non presenta grossi spazi di crescita stante le prospettive di mercato per i prossimi due anni; fra gli industriali e utility è possibile trovare “buoni” titoli anche con un occhio ai dividendi
– i titoli: una volta scelto il mercato e i settori bisogna poi passare alla valutazione dei singoli titoli basandosi su vari parametri che il piccolo investitore privato non conosce e se anche li conoscesse non li troverebbe per il mercato italiano mentre per i titoli americani si trova praticamente tutto, con grande facilità e senza costi; esempio: i titoli USA definiti aristocrats distribuiscono dividendi ininterrottamente da almeno 25 anni; sei capace tu di trovare un aristocrat italiano? o sei capace di selezionare con pochi colpi di mouse gli industriali italiani che negli ultimi cinque anni hanno incrementato le vendite e l’utile per azione, o che distribuiscono il 60% degli utili netti agli azionisti o che hanno un rapporto prezzo/utili stimato per il 2021 inferiore a 20?

_________________________________

I ticker sono linkati a Finviz dove è possibile ottenere informazioni dettagliate.
Per altre informazioni fare ricerche su Seeking Alpha che offre numerosi editoriali per ciascun titolo.
Grafici di buona fattura si ricavano sempre da finviz.com e da stockcharts che sono anche siti poco invasivi per la propria privacy e navigazione.

Ticker Company Sector Industry
GD General Dynamics Corp. Industrials Aerospace & Defense
BWXT BWX Technologies, Inc. Industrials Aerospace & Defense
ESLT Elbit Systems Ltd. Industrials Aerospace & Defense
HII Huntington Ingalls Industries, Inc. Industrials Aerospace & Defense
MOG-A Moog Inc. Industrials Aerospace & Defense
SWBI Smith & Wesson Brands, Inc. Industrials Aerospace & Defense
TXT Textron Inc. Industrials Aerospace & Defense
WWD Woodward, Inc. Industrials Aerospace & Defense
CAT Caterpillar, Inc. Industrials Machinery
KNOP KNOT Offshore Partners LP Industrials Marine Shipping
BCO The Brink’s Company Industrials Security & Protection Services
BRC Brady Corporation Industrials Security & Protection Services
MSA MSA Safety Incorporated Industrials Security & Protection Services
MMM 3M Co. Industrials Specialty
AOS A. O. Smith Corp. Industrials Specialty
AAPL
Apple Technology Consumer electronics
ESE ESCO Technologies Inc. Technology Scientific Instruments
FLIR FLIR Systems, Inc. Technology Scientific Instruments
MKSI MKS Instruments, Inc. Technology Scientific Instruments
ESE ESCO Technologies Inc. Technology Scientific Instruments
FLIR FLIR Systems, Inc. Technology Scientific Instruments
MKSI MKS Instruments, Inc. Technology Scientific Instruments
ALE Allete, Inc. Utilities Diversified
BIP Brookfield Infrastructure Partners L.P. Utilities Diversified
D Dominion Energy, Inc. Utilities Diversified
EXC Exelon Corporation Utilities Diversified
NWE NorthWestern Corporation Utilities Diversified
SJI South Jersey Industries, Inc. Utilities Diversified
ED Consolidated Edison, Inc. Utilities Electricity
AY Atlantica Sustainable Infrastructure plc Utilities Renewable
CWEN-A Clearway Energy, Inc. Utilities Renewable
ORA Ormat Technologies, Inc. Utilities Renewable


§ § §

Articoli già pubblicati:
Azionario USA: premessa
Seconda premessa e Johnson & Johnson    
Titoli anti-covid
Comunicazioni e prodotti di consumo
Energia, finanziari e salute

Ptf Base     –    Ptf US Stocks     –    Trading Money Management (TMM)

§ § §

 investimentiprotetti@gmail.com

se questa rassegna può essere di qualche utilità falla conoscere in rete, grazie


Check Also

Ptf US Stocks: variazioni del 5 gen

Variazioni del ptf US Stocks Come anticipato QUI oggi si effettua una liquidazione parziale di una …