Home / Chart / Grafico a candele

Grafico a candele

Scheda di approfondimento utile per l’applicazione della metodologia di investimento TMM

Rappresentazione dell’andamento dei prezzi con grafico a candele

I prezzi di un asset possono essere graficati in vari modi, ad esempio con una linea, e possono riferirsi a periodi diversi (time frame) prendendo come riferimento valori mensili, settimanali, giornalieri o anche più brevi (vedi scheda “Time Frame”, in preparazione)

In questo sito si preferisce usare la rappresentazione con le cosiddette candele perchè danno maggiori informazioni rispetto ad un singolo punto che costituisce una linea. Infatti ogni singola candela consente di visualizzare quattro dati: massimo, minimo, prezzo di inizio e chiusura delle negoziazioni.

Una candela è costituita da un corpo (real body) delimitato dai prezzi di apertura chiusura e da possibili estensioni in alto e in basso evidenziate come linee verticali dette “ombre” (shadows) i cui estremi rappresentano il massimo e il minimo del time frame scelto. Talvolta la candela è priva di un’ombra o di entrambe (o sono appena accennate) e ciò significa che il massimo/minimo corrisponde col prezzo di apertura/chiusura

La candela è caratterizzata anche da un codice colore: se il prezzo di chiusura è superiore a quello di apertura c’è stato un rialzo dei prezzi e il colore del corpo è bianco o verde; se invece il prezzo di chiusura è risultato inferiore a quello di apertura c’è stato un ribasso e il corpo viene colorato di nero o di rosso; in questo sito si preferisce il verde/rosso

Guardando adesso al grafico e non più alla singola candela, l’altezza relativa delle candele dà immediatamente un’idea della volatilità dei prezzi ((vedi scheda “Volatilità”, in preparazione) in determinati periodi dell’anno: maggiore è l’altezza relativa e maggiore è la volatilità con conseguenti maggiori rischi di valutazione errata per il trader che decide l’apertura/chiusura della posizione in tale contesto. Al contrario un periodo di candele con altezza relativa bassa indica che i grandi trader non hanno motivi per forzare i prezzi e la volatilità si riduce.

Riassumiamo tutto con questa figura, si può ingrandire cliccandoci sopra, sotto il commento

Il grafico evidenzia una fase rialzista (freccia verde) seguita da una prima correzione (freccia rossa). I grandi trader hanno forzato al rialzo i prezzi lasciando sul grafico lunghe candele verdi e uno strappo (gap up) fra la candela 1 e 2. La candela 1 mostra chiaramente un corpo e due ombre. La candela 2 è praticamente solo corpo rialzista tipica delle fasi in cui i trader entrano in una fase compulsiva di acquisto a qualsiasi prezzo, con acquisti al meglio ed aumento dei volumi negoziati (buying climax). Le candele evidenziate in giallo mostrano un arresto (momentaneo) della fase compulsiva con riduzione dell’altezza delle candele e oscillazione ridotta dei prezzi (trading range) a creare quindi una fase di attesa (congestione) per capire se ci saranno nuove motivazioni per proseguire il rialzo (uptrend). E in effetti si assiste ad una nuova spinta rialzista con due candeloni verdi ma a questo punto fra i trader comincia a crearsi il gruppo che vuole prendere profitto perchè ritiene che non ci siano motivi sufficienti per un rialzo ulteriore e quindi vende (long liquidation) emblematica è la candela 4  e il gruppo che invece compra le liquidazioni, emblematica la 5. Le candele 3, 6, 7 e 8 denotano incertezza in quanto hanno un corpo molto sottile, la 6 non ha nemmeno corpo, e generalmente questa situazione anticipa una correzione che si manifesta con un brusco calo il lunedì alla riapertura del mercato (candela 8)

Per la valutazione a scopo operativo di una sequenza di candele o di particolari conformazioni fare riferimento anche alle schede specifiche (in preparazione)

Check Also

Hedging: proteggere i BTP #2

Hedging significa proteggere il proprio investimento, sia che si tratti di un singolo asset o …