Home / Analisi mercati / Convivere con l’esuberanza irrazionale #28

Convivere con l’esuberanza irrazionale #28

Eventi & Mercati – settimana #28 (6 – 10 lug)

Rassegna settimanale intermarket precedente QUI

Indici e asset

Terza settimana consecutiva di mercati azionari sostanzialmente piatti con esclusione del NASDAQ100  e SSE cinese che continuano a salire in modo consistente.

DAX e SP500 si mantengono sempre molto vicini ai loro massimi storici e tentano di testare – ed eventualmente superare – il top dell’8 giugno ma finora con scarso successo.

DOW JONES  pur avendo stornato in buona misura il crollo di febbraio/marzo ma essendo un indice a bassa capitalizzazione di tecnologici ha finora sottoperformato rispetto al Nasdaq100 e Sp500, e non mostra alcuna tendenza a testare il top di giugno; potremmo quindi considerare molto probabile uno scenario lateral ribassista di medio periodo.

Anche per il nostro MIB l’andamento dell’ultimo mese non si discosta molto da quello del DAX e di SP500 e resta ingabbiato in un laterale piuttosto stretto fra 18800 e 20400 senza fornire alcun segnale utile per operare con target di breve periodo.

Grande cautela si nota anche sul petrolio che non trova forza sufficiente per rompere con decisione la resistenza di area 41 e sul cross EUR/USD che nell’ultimo mese ha costruito un laterale 1,14 / 1,12 dove non si colgono spunti per fare trading di posizione.

L’oro invece ha fornito questa settimana un’ulteriore conferma del bull market in corso superando nuovamente la psico-soglia di 1800 fino a realizzare mercoledì un nuovo massimo annuale a 1830 al che sono seguite immediate prese di profitto ma il valore di chiusura di venerdì è rimasto di un soffio sopra 1800 il che fa supporre che nei prossimi giorni potremmo assistere ad un ulteriore assestamento dei prezzi da considerarsi comunque come opportunità di acquisto.

Anche sui bond USA ci sono stati forti acquisti in ottica di rifugio tanto che il rendimento del decennale questa settimana si è portato vicinissimo al minimo annuale.

In sintesi

I mercati azionari restano ben supportati malgrado i segnali di ripresa economica USA evidenziati nelle ultime due settimane siano del tutto marginali. E nemmeno in Europa le cosa vanno meglio. Tuttavia il ritorno di acquisti consistenti su oro e bond USA intesi come asset rifugio conferma ulteriormente la disconnessione fra azionario e prospettive economiche di medio e lungo periodo.

Interessanti sono le opinioni/allerte di Warren Buffet (bolla tecnologici 1999), di James Richards (una recessione lunga accompagnata da forte disoccupazione è depressione, ricordarsi le dinamiche di prezzo del periodo 1929 – 1940), di Shawn Langlois (similitudini col crollo del 1929) e di Mike Novogratz (esuberanza irrazionale, siamo in bolla speculativa).

Ecco un esempio di “esuberanza”:
e un esempio di “cautela”;

§ § §

investimentiprotetti@gmail.com

se questa rassegna può essere di qualche utilità falla conoscere in rete, grazie

 

Check Also

Ancora più su, verso l’empireo #32

Eventi & Mercati – settimana #32 (3 – 7 ago) Rassegna settimanale intermarket precedente QUI …